Arcavacata 2007 - Voglia di cambiamento!

 Home Page »   Gli incarichi del Rettore »

«Non ho mai ricevuto soldi da Regione e da Calpark»

(Lettera pubblicata su La Provincia Cosentina di Domenica 11/11/2007)



L'intervento del rettore dell'Università della Calabria Giovanni Latorre

Dal rettore dell'Università delle Calabria Giovanni Latorre, riceviamo e pubblichiamo:

È stupefacente, e mi procura enorme amarezza l'accanimento - perché di questo si tratta - di cui si sta rendendo protagonista nei miei confronti “La Provincia Cosentina”, che di nuovo con affermazioni completamente false, perciò in maniera gravemente lesiva della mia immagine, è tornata su vicende e argomenti rispetto ai quali, appena alcuni giorni addietro, avevo chiarito la mia posizione, confutando in dettaglio ogni aspetto riguardante gli incarichi e le consulenze che, secondo il giornale, mi sarebbero state affidate a diverso titolo, con relativa retribuzione.

Rimango profondamente turbato per questo ennesimo episodio che, a questo punto, pone la vicenda in questione su un profilo diverso rispetto a quello del puro e semplice diritto d'informazione, che nessuno mai ha lontanamente contestato a chicchessia, inducendomi, mio malgrado, a prefigurare l'attivazione di tutti gli strumenti previsti dalla legge per la tutela della mia dignità e onorabilità. 

Non posso in alcun modo consentire, per il ruolo delicatissimo e di grande responsabilità che rivesto, che anche solo lontanamente l'opinione pubblica possa essere sfiorata dal sospetto che le mie affermazioni siano inveritiere  e, di conseguenza, nutrire dubbi, o formarsi valutazioni in qualche modo negative, sul mio comportamento.

Quanto riportato nell'articolo pubblicato ieri da La Provincia Cosentina, ripeto, è del tutto privo di fondamento. Sfido, perciò il direttore del quotidiano e chi, insieme a lui opera al suo interno a dimostrare il contrario dì quanto affermo.
Tengo a precisare, comunque, e ancora una volta, che:
  • sono Presidente di Calpark senza aver mai preso un solo euro, a qualunque titolo;

  • non sono consulente del Ministero dei Trasporti, nel senso che si attribuisce a questo termine, di essere cioè titolare di un regolare rapporto dì tipo professionale, per il quale è prevista una retribuzione; sono, invece, consigliere economico e responsabile scientifico del Collegio dei consiglieri, con il solo titolo, per quest'attività, di ricevere il rimborso delle spese di viaggio regolarmente documentate;

  • non ho mai ricevuto un solo euro dalla Regione Calabria e, dunque, è palesemente falsa la notizia secondo la quale avrei percepito, per l’incarico di consulente per il Mediterraneo oltre duemila euro mensili.

Non so, infine, a cosa si riferisca e a quale titolo la mia persona venga coinvolta, a proposito del presunto rimborso che “Progetto Calabrie” avrebbe ricevuto per la competizione elettorale del 2005. Ricordando che, in ogni caso, proprio in quanto rimborso, si trattava evidentemente di una somma riconosciuta dallo Stato, così come previsto per legge, sottolineo come “Progetto Calabrie" abbia partecipato alla suddetta competizione elettorale insieme a Italia dei Valori e Partito dei Comunisti Italiani.

Considerato che, da quel che mi risulta, “Progetto Calabrie” non ha avuto un solo euro al riguardo, debbo suppone che, se il rimborso di cui parla il giornale effettivamente c’è stato, esso potrebbe essere stato assegnato ai due partiti che hanno ottenuto una rappresentanza in seno all'assemblea regionale calabrese.

Comunque sia, questo non può in alcun modo autorizzare la “La Provincia Cosentina” ad operare, o a favorire, come è avvenuto, azzardate ipotesi di collegamento tra la finalizzazione di queste somme e la mia persona. Tutto ciò è - ripeto ancora una volta - estremamente grave e causa di profonda amarezza.

È difficile, in questi casi, non chiedersi se valga ancora la pena continuare ad assumersi responsabilità tanto elevate, quali sono quelle con cui sono chiamato a misurarmi quotidianamente con uno spirito di sacrificio che non conosce sosta, quando la propria azione quotidiana è soggetta ad attacchi di questa natura o ad insinuazioni tanto volgari.

Solo la profonda passione e l'amore per il mio lavoro, riescono in questi casi a cancellare il desiderio, veramente forte, di credere che, in presenza di certe condizioni ogni sforzo e ogni sacrificio si manifestino vani. Si tratta, per fortuna di momenti isolati e, con altrettanta soddisfazione, di vicende che non inficiano né danneggiano l'immagine del giornalismo calabrese, che ama contribuire con serietà, e senza rinunciare alla propria funzione, alla crescita civile e democratica della Regione. Tutto però, ha un limite.

Rimane chiarito fin d’ora che, ove mai, “La Provincia Cosentina”, anche alla luce di questo ennesimo chiarimento - che chiedo venga pubblicato integralmente con la stessa evidenza dell’articolo che lo ha motivato - dovesse persistere nega sua grave, ingiustificata e inammissibile azione denigratoria nei miei confronti, sarò costretto, a questo punto senza più alcuna replica, a dare mandato ai miei legali per le opportune azioni finalizzate ad ottenere, in ogni sede, la più ampia salvaguardia e tutela della mia persona e dei mio ruolo.

Giovanni Latorre
Rettore Unical


 Torna su » 

Valid XHTML 1.0 Transitional (C) 2007- Prof. Ing. Pasquale Versace    Curriculum »  |  Scrivimi »  |